Bei Topfern Und Zieglern In Suditalien, Sizilien Und Griechenland

(I Vasai ed i fornaciai nell’Italia Meridionale, Sicilia e Grecia)

Magonza, 1965, Ed. Mudolf Habelt, Bonn

di ROLAND HAMPE e ADAM WINTTER

Bisignano, 4 settembre 1962

La strada che porta da Cosenza a Bisignano ci fece attraversare una zona desolata che assomigliava a un deserto. Grandi distese di campi di grano già raccolto alternati e sedimenti di detriti a causa delle piogge portati li dai ruscelli ora prosciugati. Come molti paesi vasai anche Bisignano si trovava su un’altura. Abbiamo dovuto attraversare l’intero paese per arrivare dall’altra parte del paese nei pressi dell’uscita dello stesso e vedere un cartello con su scritto “via dei vasai”. Era in questa strada che si trovava la maggior parte delle fornaci.

 L’ARTE DEI VASAI A BISIGNANO

Intervista a Luigi Montalto ULTIMO D’UNA DINASTIA DI VASAI

Di GIUSEPPE ABBRUZZO

 (su Confronto Anno XXI-Supplemento al n°4-aprile 1995)

A Bisignano fino agli anni ’70 c’erano 8 fornaci , ne sono rimaste tre. Ma producono oggetti decorativi, non quelli di una volta…
La considerazione è di Luigi Montalto nato a Bisignano il 26 Marzo 1909. Con lui abbiamo rievocato l’affascinante arte della terracotta.

 L’ARTE DEI VASAI DI BISIGNANO.

DAL PASSATO AL PRESENTE ALLO SVILUPPO DI QUESTE ATTIVITA’ DEL SETTORE DELL’ARTEIGIANO BISIGNANESE

Di LUCA SIRENO
( su La Voce del Crati Anno III n°8 settembre 1992)

Da quello che è stato il passato, la storia e la radice profonda di questa arte, di questo nobile lavoro perso nei secoli di continue ricerche e appassionate sperimentazioni di nuove forme, originali decorazioni e particolari colorazioni, andiamo a conoscere quella che è l’arte dei vasaio bisignanese della nuova generazione che riveste il duplice ruolo di artista e di imprenditore, manager sia ancora polivalente, ed è su questa necessità e in questa prospettiva che concentrerò le mie conclusioni.